Il sito ufficiale di Fabrizio Mascia
Il sito ufficiale di Fabrizio Mascia
Bricius / Articoli  / Odissea ai Castelli Romani

Odissea ai Castelli Romani

Odissea ai Castelli Romani; Racconto di un week end tragi-comico. Dopo lunghi preparativi eravamo finalmente pronti, io ed il mio navigatore Giorgio Caroli, al via del 13° Rally dei Castelli Romani. In programma 14 prove speciali, 2 nella serata di sabato e 12 nella giornata di domenica. Alla 1^ prova speciale (complici un po di ruggine mia e degli avversari molto agguerriti) eravamo 5^ con circa 10 di ritardo. Nella 2^ prova il distacco aumentava ancora, a causa di qualche traverso di troppo (strade molto umide) dal leader della classifica di classe (il buon vecchio Ivan Pisacane). Domenica partiamo convinti di poter fare bene, e recuperare il distacco. Alla prima PS partiamo subito forte, ma dopo 1km e 200m una macchia dolio lasciata da una Mitsu ci manda in testacoda. Per fortuna il guardrail ci abbraccia e ci impedisce di cadere giù, in un bel burrone. Ma pieghiamo il fusello della ruota posteriore e rompiamo un disco freno. In queste condizioni affrontiamo altre 3 PS prima di poter arrivare finalmente in assistenza. In assistenza ci riparano alla meglio il fusello, ci eliminano totalmente il freno posteriore, e partiamo per il 2° giro. Alla partenza della prima PS subito un guasto elettrico comincia a far strappare la macchina, e a farla proprio spegnere. Quasi 10 minuti per uscire dalla prova, con conseguente ritardo al controllo orario successivo. In queste condizioni disputiamo le altre 3 PS del giro prima di tornare in assistenza. In assistenza la riparazione richiede più tempo del previsto ed usciamo con 4 minuti di ritardo. Come se non bastasse, il problema persiste. Ormai, con la macchina che si spegne in continuazione, e con tante penalità accumulate, siamo ultimi degli ultimi. Ma vogliamo almeno finire la gara. In queste condizioni barbare (provate voi a guidare unauto da corsa che si spegne ogni 20 metri per 70km) facciamo le ultime 4 PS, e ci dirigiamo verso il parco chiuso darrivo. Ma proprio nellultimo trasferimento la macchina si spegne e decide di non partire più.  Proprio una beffa! Penserete che finisca così, ma non è vero. Torniamo in albergo con la macchina stradale, per agganciare il carrello, ed andare a recuperare la macchina da corsa. Sorpresa: lo spinotto del carrello era totalmente rotto! Altra ora e mezza persa per la riparazione Grazie a chi mi ha voluto bene, o male, in questi 2 giorni!!!

Nessun commento

Rispondere